Chi sono

Io sono nata con la camicia. Davvero! Uno dei rarissimi casi che rendevano i neonati “cari agli Dei” . Mi sono spesso chiesta cosa sarebbe successo se fossi nata sguarnita come tutti gli altri! Come si sarebbe svolta la mia vita senza la benevolenza non solo di un Dio ma addirittura degli Dei tutti. Non oso immaginarlo. Appena nata mi hanno fatto la doccia e anche bella vigorosa. La mia mamma dice che ero diventata blu e sicuramente viene da li la mia profonda ed inguaribile avversione per il freddo. Odio assoluto e viscerale che viene superato solo dallo schifo e repulsione totale per il vino, una vera fobia. Una bottiglia di spumante è un vero incubo! L’idea che una sola goccia di quella mefitica sostanza mi possa cascare addosso mi fa rigirare lo stomaco senza parlare poi dell’odore nauseante e ributtante , forse l’ostetrica che mi fece la doccia aveva la fiatella post- pranzo visto che erano circa le 15 di pomeriggio. Può essere…..
Brindare all’inizio del nuovo anno in mezzo a qualche migliaio di persone armate di tale criptonite in mezzo ad una piazza di una capitale nord-europea a -10° , ma come fa la gente? Vabbè che sono rintronata ormai l’avete capito! Potrà interessarvi la mia qualità saliente, sono i capelli. Ho fatto fuori ormai circa tre generazioni di parrucchieri e tutti hanno desistito. Sono indomabili e fieri, stanno solo ed esclusivamente come va a loro. Non c’è balsamo, lozione phon o spazzola che li possa portare alla requie. Io sono orgogliosa dei miei capelli sempre disordinati, i ciuffi a destra e sinistra, una cesta scompigliata che non vuole cedere.
I capelli sono la parte più autentica di me, il resto si è dovuto adattare alla vita: scelte sbagliate, errori da pagare, problemi da risolvere, rinunce e sogni forse nemmeno mai sognati e sicuramente un Karma antico e granitico da scontare ma questi capelli………sono la “me” ancora autentica ed intatta spero che mi accompagnino fine alla fine dei miei giorni. Da ragazzina volevo fare la dottoressa, poi la musicista, poi l’atleta, poi la giornalista. Non ho mai sognato il posto semi-sicuro dietro una scrivania a computare numeri e conti ed invece è proprio quello che faccio. Adesso vorrei fare la vagabonda, girare il Mondo in largo tutto, in lungo solo fino ad una certa latitudine e poi vorrei sorridere ogni giorno a tutto il bello della vita ed eliminare i rimpianti vecchi e nuovi. Non sarebbe male fermarmi a quest’età anche se non sono più teen da mò! E’ da stamattina che ascolto salsa e ogni tanto abbraccio uno dei miei meravigliosi gatti ed improvviso qualche passitos o semplicemente seguo il tempo con la base soave , qualche enciufla e botta di fianco.
Viaggiare sarebbe la mia professione e se siete curiosi troverete su questo blog qualche racconto e qualche foto delle mie incursioni estere!
Mi chiamo Laura e aspetto il futuro. Il passato mi ha fatto ciò che sono e che adesso mi fa vivere solo il presente.
…cinque, sei sette y otto….un, dos, tres……a bailar con sabor

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...